Cronaca Rivelazioni Social

Denise Pipitone da Danas a Sabrina: una, nessuna, centomila

Please follow and like us:

Denise Pitone era una bellissima bambina amata e coccolata da mamma Piera Maggio e dal padre che si è occupato di lei per quasi quattro anni Toni Pipitone. Denise, piccolina, bella, con le sue faccette buffe, le smorfie e quella canzoncina del palloncino blu che scappa da una manina e che vuole ritrovare la mamma, che tanto ricorda la sua storia, è entrata nel cuore di tutti noi.

Denise è quei codini, la boccuccia stretta, i sorrisi, questo era la piccolina di Mazara Del Vallo fino al primo settembre 2004. Poi Denise è stata risucchiata come in un buco nero, è stata rapita, da chi, non lo sappiamo, forse solo il perché è noto, una vendetta.

Da quel momento Denise è diventata altro. Abbiamo scoperto che il papà biologico era Pietro Pulizzi, abbiamo scoperto che la mamma Piera Maggio e forse anche lei stessa, piccolina stellina, era odiata, abbiamo scoperto la vita di una famiglia che alla fine, era quella di tante altre famiglie, con qualche segreto, qualche tradimento, gelosie, ma nulla di così grave da far pensare a quello che è accaduto.

Da quel momento la voce di Denise è divenuta quella di mamma Piera e il viso di Denise si è moltiplicato in quello delle tante segnalazioni, alcune note, ma tante altre sono arrivate come messaggio privato a Piera Maggio, all’Avvocato Frazzitta e ai parenti e giornalisti che si sono occupati del caso.

Vediamo allora le tante Denise che sono passate sotto lo sguardo di tutti noi, perché fino a che i riflettori saranno puntati e si urlerà “Eccola Denise!” la speranza di ritrovarla è ancora tanta.

2004 – DENISE CHIAMATA DANAS: LA SEGNALAZIONE DI FELICE GRIECO

La bambina rom Danas e Denise Pipitone

Felice Grieco è la guardia giurata che ha fatto il famoso video della bambina Danas in compagnia di una donna rom. La bambina somigliava tantissimo a Denise, tanto che anche la mamma ha riconosciuto in lei la figlia, Purtroppo Felice Grieco non è riuscito a trattenerla e la pista è sfumata.

2008 – DENISE IN MAROCCO: LA PISTA AFRICANA

Piera Maggio abbraccia una bambina che però non si rivelerà Denise.

Il caso di Denise sconfinò anche oltre l’Italia. Nel 2008 mamma Piera volò in Marocco per un’importante segnalazione che si rivelò l’ennesima delusione.

2015 – DENISE CHE SCRIVE SU FACEBOOK: LA PISTA DI POTENZA

Denise Pipitone e la ragazzina di Potenza

Nel 2015 Piera Maggio ha raccontato di essere stata contattata via Facebook da una ragazzina che le aveva scritto “Sono Denise mamma”, a commento di un nuovo volantino che ritraeva la donna con la figlioletta in braccio accompagnato dalla scritta: “Denise ti ricordi? Sono la tua mamma”. Quello che ha impressionato e sollevato dei dubbi rispetto a tanti altri messaggi falsi ricevuti da Piera Maggio, durante questi anni di ricerche della figlioletta, è che la ragazza che si è fatta avanti aveva una forte somiglianza con Denise. La ragazzina poi ha chiesto: “Se Denise è qua, che fate, la venite a prendere?”. Un’affermazione che ha aumentato il mistero sul caso. Purtroppo però il dna ha infranto tutte le speranze, quella ragazzina non era Denise.

2017DENISE SU UN SITO PEDOPORNOGRAFICO: LA PISTA LEGATA ALLA PEDOFILIA

L’elaborazione di Denise più grande e la foto del sito pedopornografico.

Nel 2017 Denise è stata segnalata su un sito pedopornografico. La stessa Piera Maggio commentò così la fotografia: “Mi hanno colpito gli occhi, e parte del naso e dell’orecchio. Sì, c’è una somiglianza. Volevo credere che fosse in un posto sicuro, non in mano a dei criminali. Vivere questa cosa è atroce. Ma negli anni ci sono state tante segnalazioni che poi si sono verificate false, voglio restare con i piedi per terra e capire prima se si tratta di un fotomontaggio”. Era stata all’epoca la stessa Federica Sciarelli, introducendo l’argomento a spiegare che quello scatto arrivava direttamente da un sito con materiale pedopornografico: “È un tema squallido, la foto arriva da un brutto sito”. La ragazzina nella foto appare nuda, anche se lo scatto sembrava frutto di un fotomontaggio. La somiglianza resta impressionante, ma il generale dei Carabinieri Luigi Ripani ci tiene a precisare: “Non esistono certezze, se non la prova del Dna. Il confronto somatico non può essere certo”. Quella ragazzina poi non è stata trovata e in realtà la foto sembrava proprio un fotomontaggio.

APRILE 2021 – DENISE CHIAMATA OLESYA: LA PISTA RUSSA

Denise . Olesya e Piera Maggio.

La pista di Olesya Rostova sembrava davvero avere molti punti in comune con Denise. La russa ha affermato infatti, di essere stata cresciuta da una zingara e di essere poi stata abbandonata in un orfanotrofio. Tanti i dubbi e molti anche i dettagli che hanno fatto ben sperare. Ma l’unica certezza sarà poi fornita dall’esito del gruppo sanguigno, a cui è seguita l’ennerima delusione.

APRILE 2021 – DENISE FOTOGRAFATA IN UN CAMPO ROM – LA PISTA NOMADE

Una piccola di un campo rom somigliante a Denise.

Dopo il clamore della segnalazione in Russia, tanti sono stati gli avvistamenti. In una foto sul web ad esempio, è spuntata in un campo nomade una bambina molto simile a Denise, il fotografo però è stato rintracciato, ed ha spiegato che quella foto è del 2013 e naturalmente non poteva essere Denise che all’epoca avrebbe avuto tredici anni.

APRILE 2021 – DENISE SU TIKTOK: LA PISTA SPAGNOLA

Una ragazza spagnola di Tiktok somigliante a Denise.

Il video è stato segnalato dalla cantante siciliana, Denise Manno, dopo che una sua fan glielo ha fatto notare. La stessa cantautrice ha scritto su Facebook: “Grazie ad una mia follower, ho posato l’occhio su una ragazza che vive in Spagna a Málaga. Si chiama Denise, ha 20 anni e somiglia molto a Denise Pipitone. Ha postato un video tempo fa su TikTok scrivendo ‘non so chi mi ha creato ma chi l’ha fatto mi ha illuso’ e in più posta spesso video tutorial su come fare le pizzette, piatto tipico italiano, strano da una ragazza spagnola no? Che poi a pensarci bene, in base al racconto della guardia giurata di Milano la bambina voleva ‘a pizza’. Sui social e su Tiktok la ragazza non hai mai postato video con i suoi genitori ma solo con il suo fidanzato, quindi questo mi ha portata a pensare fosse lei”.
Denise Manno: “Ho contattato l’avvocato della mamma di Denise Pipitone”. Nulla di fatto anche questa volta.

MAGGIO 2021 – DENISE CHIAMATA DENISA: LA PISTA DI SCALEA

Denise Pipitone e Denisa

A maggio una donna di Scalea, mentre si trovava in compagnia dell’amica in un salone da parrucchiera, aveva notato una ragazza molto somigliante a Denise Pipitone intenta a vendere oro nel locale adiacente. A convincere la donna a chiamare i carabinieri e segnalarne la presenza, sono state numerose circostanze. Sono scattati i controlli e la giovane Denisa è stata trattenuta per molte ore nella caserma della tenenza dei carabinieri di Scalea. Informata la procura di Marsala, è poi stata lasciata libera di ritornare nella sua nuova dimora, che sorge al centro della città di Torre Talao. Precedentemente, la giovane viveva a Cosenza, ma nella sua breve vita ha vissuto, secondo il suo racconto, in diverse località italiane. Purtroppo però Elena Denisa Grigoriu non è Denise Pipitone. È bastata la comparazione dei gruppi sanguigni della ragazza di Scalea con quello dei genitori della piccola scomparsa da Mazara del Vallo nel 2004 per escudere definitivamente si tratti della stessa persona.

MAGGIO 2021 – DENISE CHIAMATA MARIA GRAZIA: LA PISTA DELL’ECUADOR

La speranza si spegne di nuovo. Denise Pipitone non è quella ragazza dell’Ecuador che le somigliava molto. Chi l’ha visto?, la trasmissione di Federica Sciarelli su Rai tre, nella puntata del 26 maggio si è occupata del caso di Denise, la bambina scomparsa a Mazara del Vallo nel settembre del 2004. La redazione del programma, dopo la segnalazione sui social di una presunta ragazza in Ecuador dalla forte somiglianza con Denise, è riuscita a rintracciare la giovane e con l’aiuto di una traduttrice le ha fatto una video-chiamata, per spiegarle la situazione e chiederle chi è, quanti anni ha e se può essere davvero lei la bambina scomparsa in Italia. La ragazza però non ha molto da dire, se non che non è lei Denise Pipitone: si chiama Maria Grazia, ha 29 anni e non vive in Ecuador ma in Brasile. “Ho visto le foto, c’è una somiglianza, ma non sono io Denise”, dice al telefono. E ancora, aggiunge: “Sono nata e cresciuta in Brasile, da qui non mi sono mai allontanata”.

GIUGNO 2021 – DENISE CHIAMATA ANTONIA: LA PISTA DI MARIANA

Antonia C. la figlia adottiva di Florina. E’ lei Denise?

Questa è una pista molto particolare, non ancora attenzionata del tutto, da quello che ne possiamo sapere. Tutto parte da una giovane di origini rom Mariana Trotta. Tre anni anni fa la ragazza, sapendo di essere stata adottata, ha sentito l’esigenza di conoscere la sua famiglia biologica, e attraverso un’assistente sociale è risalita alla mamma che viveva in un campo rom nella periferia di Parigi. La ragazza, arrivata a Parigi, ha conosciuto prima i suoi genitori, poi la sorella e in seguito altri parenti. A distanza di anni, in seguito al clamore mediatico circa la scomparsa di Denise, guardando il video di Felice Grieco, la ragazza ha riconosciuto la donna che accompagnava Danas ed ha fatto una denuncia ai carabinieri affermando: “Quella donna si chiama Florina ed è mia zia acquisita”. Ma non è finita qui, perché Mariana ha detto che in albergo con lei c’era anche la figlia adottiva di Florina, una ragazza chiamata Antonia, che nei video caricati nei Social chiamano però Denisa. E’ una ragazza molto somigliante a Denise, con i denti davanti mancanti, sintomo di estrema trascuratezza. Mariana stessa ha raccontato che la ragazza non conosceva il suo passato e viveva segregata in una camera d’albergo, controllata da alcune persone. Non usciva quasi mai e quelle poche volte che era accaduto, era sempre seguita e da quello che possiamo vedere sulle foto, indossava sempre degli occhiali da sole. La ragazza ha anche due figlie, una soprattutto, molto somigliante a Denise. Noi abbiamo controllato anche i nei sul viso e uno vicino alla guancia e allo stesso posto di quello di Denise. Una segnalazione che merita un riscontro a nostro avviso.

GIUGNO 2021 . DENISE CHIAMATA SABRINA: LA PISTA DELLA ANGIONI

Sabrina la ragazza Tunisina nata a Mazara.

Una segnalazione un po’ diversa dalle altre, perché fatta dall’ex pm che primo fra tutti si è occupato del caso di Denise Pipitone: Maria Angioni. Il magistrato ha avuto anche un ruolo importante nella riapertura del caso, perché denunciando problemi, minacce e depitsaggi durante l’inchiesta, ha riacceso le luci su questa inchiesta che è apparsa subito piena d’ombre. Una donna acuta, molto complessa nei ragionamenti, che ha seguito una sua pista: Denise rapita in ambito familiare, passata di mano in mano da chi voleva farle del male, a chi per salvarla l’ha fatta sparire. Seguendo questo pensiero e con molto lavoro, è arrivata a Sabrina, una ragazza Tunisina, nata a Mazara, cugina dell’ex compagno di Jessica Pulizzi, sorellastra di Denise. Questa pista è stata immediatamente smentita e sulla brava Angioni sono piovuti fiumi di insulti e di critiche, veramente esagerate e fuoriluogo, tenendo conto dell’impegno che ha sempre messo in questa vicenda.

Please follow and like us:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *